Home

Benvenuto/a nella mia pagina.

Da sempre curioso di ciò che non conosco, amo scrivere i miei pensieri, emozioni attraverso articoli che spaziano a 360 gradi.

Se siete giunti sin qui è perché come me, condividete la voglia di leggere e scorprire.

Articoli recenti

Mi ritrovai in una selva oscura, non di Dante, di Internet.

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai in una selva oscura, cantava Dante nella sua Divina Commedia. La mia di selva oscura, è rappresentata da questo periodo, che mi ha catapultato nel mondo online proprio come faceva Caronte che traghettava le anime. La mia di anima è molte volte irrequieta, perchè molte volte la mattina mi sveglio e penso a come posso re-inventarmi in questa giungla online, quali siamo le mie vere ambizioni e capacità, e come posso mettermi in gioco, provenendo da un passato di lavori manuali. Allora vai li, cerca la frase “quali sono i mestieri emergenti nel 2021”, vedi se c’è un corso per te, se è alla tua portata, sia economica, sia lavorativa. E così, dopo un anno, passato a lavorare a “tozzi e bocconi”, decido che questo è il momento di perseguire altre strade, di far emergere la mia curiosità e cercare di crearmi anche io uno spazio online in questa nuova spietata “Digital Economy”.

E te ricordi presto è? Esclama la mia parte vorace, romana. Ma il punto è che uscire dalla “comfort zone”, per dirla all’americana, non è facile, soprattutto se le certezze di un mestiere e di una vita apparentemente normale non ci sono più.

Ma eccomi qui, a raccontare cosa penso, in una forma diversa da quella di prima, per certi tratti più estroversa e sincera, senza la pretesa di essere un “tuttologo”, e credetemi è già un grande passo.

Il vero nemico dell’Italia si chiama ANALFABETISMO DI RITORNO

In questo articolo voglio essere il più sincero e schietto possibile. Il vero nemico dell’Italia e degli italiani non è Mario Draghi, Giuseppe Conte, Grillo e compagnia cantante, ma si chiama ANALFABETISMO DI RITORNO

Analizziamo le parole: Per “analfabeta”, si intende una persona che non è in grado di leggere, scrivere correttamente ed elaborare un proprio pensiero critico. Noi oggi conosciamo due tipi di analfabetismo:

  • Analfabetismo funzionale
  • Analfabetismo di ritorno

L’analfabetismo funzionale, riguarda quel tipo di persona che non è in grado di leggere, scrivere e comprendere correttamente le minime azioni del vivere quotidiano e non sa elaborare un pensiero critico.

L’analfabetismo di ritorno, invece, riguarda quel tipo di persone che sanno in maniera minima saper leggere, scrivere, elaborare un pensiero diretto, non complesso, non articolato, andando molte volte (in quella che vediamo oggi anche con il covid), “dissonanza cognitiva”.

Ecco, noi siamo afflitti da secondo tipo di analfabetismo, che complice una lenta, ma inesorabile distruzione della scuola pubblica, attraverso un’insegnamento sempre più fatto di nozioni, concetti, “collegamenti ipertestuali” come oggi li chiamano i prof “moderni”, che non insegnano la pratica del pensare, del riflettere, del capire e del porsi dei dubbi, che invece sono davvero il vero sale della vita.

Se oggi ci troviamo in questa situazione è perché, questa distruzione dell’apprendimento reale, che però invece di farsi logos, si fa ratio, concetto, imparato a memoria, come un vero programmatore che esegue e non domanda.

E quindi, oggi i nostri ragazzi, complici anche dei lockdown, di una DAD che non insegna nulla, ma anzi stanca, con il suo bagno di onde elettromagnetiche, ritardi di segnale tra una chat e l’altra, porta il complesso pubblico alla completa deriva e alla fine di quella morsa di resistenza che invece vedevamo nei primi anni 70′ con le rivoluzioni studentesche. Io da 29enne ho imparato sulla mia pelle attraverso anni di scuola che il vero studio, il vero pensiero, il vero piacere di leggere lo si ha al termine degli studi e si esce da quel limbo che è un mix tra una catena di montaggio e un recinto per rimbambiti analfabeti, consumatori di prodotti firmati, cibo spazzatura e totalmente assenti da anche un minimo dubbio.

Scioperiamo, manifestiamo, organizziamo….No signori miei, nulla di questo, ora che siete a casa ed avete i vostri figli, fratelli e nipoti, sforzatevi di stare con loro, ricucite rapporti magari rotti, incoraggiateli alla lettura anche seppur banale di un fumetto, e non solo dell’Iliade, giocate con loro, ma non alla play, ma a nomi cose città, come si faceva una volta, Abituateli a pensare, quella sarà la vera azione che cambierà il mondo.

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: