Music Therapy: Quando le frequenze diventano benefiche per noi

Da tempo immemore, l’uomo ha associato a suoni, trasformati in strumenti che emettono delle frequenze diverse che risuonano come benefiche.

E’ questo il caso della musica, ossia un insieme di suoni e frequenze che risuonano nel nostro orecchio e nel nostro cervello (in particolare è concentrata nell’ipotalamo), zona celebrale molto all’interno, ma che si mette in moto soprattutto quando riceve stimoli esterni.

Dai tempi degli antichi romani e dei greci, con la lira, passando per le tribù africane attuali che si utilizzano il bongo, la musica rappresenta anche un’insieme di popoli, e quindi di culture diverse.

Con l’avvento della digitalizzazione molto di quel culto nel mondo occidentale si è perso, lasciando spazio alla abitudine del “contenuto scaricabile” in diversi formati e diverse qualità.

Un prodotto digitalmente parlando eccezionale, perfetto, pulito, ma freddo, che solo in parte oggi ha colmato i vuoti delle persone, che trovano in un paio di cuffie e uno streaming audio un’attimo di solitudine dove staccarsi dalla follia di questo mondo.

Ma ritornando a noi, la musica, pardon, gli strumenti musicali, vengono molto spesso usati come veri e propri strumenti terapici benefici, soprattutto nell’ambito del lavoro psico sonoro, in quanto quando per esempio si lavora in gruppi di persone diversamente abili, si studia e si fa usare ad ognuno di loro uno strumento, stimolando la loro attenzione.

Sono innumerevoli gli studi scientifici che annotano che l’utilizzo della “musicoterapia ” migliora notevolmente i processi logici di ansia, depressione, stress, autismo, demenza senile, danni celebrali permanenti.

Poco tempo fa scoprì gli effetti rilassanti della musica a 432 e 528 Hz, che abbinata ad un relax generale del corpo, mi allieta e non di poco il sonno.

Non saprei dirvi con certezza scientifica se tale musica davvero porta dei benefici anche al livello di riparazione cellulare del DNA, o se c’è una “correlazione” tra le due cose, ma posso testimoniare che effettivamente a me rilassa.

Ma quindi tu consigli di provare almeno una volta la musicoterapia?

Certo che si, ovviamente prima bisogna focalizzarsi sul “focus” di quale tipo di musica si vuole scegliere e valutare se abbiamo bisogno di una scarica di adrenalina, o una dose di relax.

Pubblicato da alemasux

Benvenuti nella pagina. Se siete venuti fin qui è perché siete come me spinti da curiosità, riflessioni e spunti personali. Condividere con gli altri, e anzi aggiungere un vostro pensiero, aumenterà la mia e la nostra consapevolezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: